Impianto dentale senza punti

Impianto dentale senza punti

Gli impianti dentali vengono eseguiti su pazienti che hanno bisogno di sostituire uno o più denti mancanti. Questa operazione prevede l’incisione della gengiva in due fasi. Nella prima fase si inserisce nell’osso mandibolare o mascellare una vite in titanio; nella seconda fase si installa la protesi fissa, ovvero il singolo dente o l’arcata dentale artificiale. Può sembrare un intervento complicato, e in caso faccia particolarmente paura, si può optare per un’altra soluzione, ovvero la chirurgia guidata, detta anche flapless, che prevede l’inserimento dell’impianto dentale senza punti di sutura. La chirurgia guidata è adatta non solo ai più timorosi, ma anche a persone fragili che preferiscono o necessitano un percorso meno invasivo per sostituire i denti. Si adatta infatti a pazienti con malattie sistemiche, con patologie o che assumono particolari farmaci.

La chirurgia guidata è un metodo innovativo che utilizza la tecnologia 3D per rendere l’intervento di implantologia meno invasivo e più accurato. Prima dell’operazione viene creato al computer un modello tridimensionale della bocca del paziente con speciali scanner intraorali. In questo modo è possibile individuare prima dell’intervento la precisa posizione dell’impianto: si definisce l’inclinazione e la profondità che dovrà avere la vite in titanio all’interno dell’osso. Viene creata una dima chirurgica, ovvero un’apposita mascherina in resina trasparente che guida il chirurgo nel corretto posizionamento dell’impianto.