Covid variante Gryphon

Covid variante Gryphon

Gryphon, la variante Covid che gli scienziati hanno catalogato come sottovariante XBB.1.5 del virus SarsCoV2, potrebbe essere la responsabile dell’impennata dell’epidemia di Covid-19 in Cina. Complice anche l’allentamento delle restrizioni, la sottovariante in circolazione dall’ottobre scorso giocherebbe un ruolo importante nello spingere in alto contagi e ricoveri. Manca la certezza scientifica e questo perché, come spesso capita, la Cina non fornisce dati alla comunità internazionale. Che a far impennare l’epidemia sia il virus che muta è perciò ancora un’ipotesi, ma gli esperti la stanno considerando molto seriamente.

In Cina “sta accadendo qualcosa di molto importante: il numero di decessi per Covid è incontrollabile e finora si è solo accennato alla possibilità che circolino una o più nuove varianti”, osserva il virologo Francesco Broccolo, dell’Università del Salento. I candidati non mancano, ma al momento l’attenzione si concentra sulla XBB.1.5, che in Cina sta circolando da ottobre e che è il risultato della ricombinazione di altre due sottovarianti di Omicron: BA.2.1 e BA.2.1. “Sta circolando un vero e proprio sciame di varianti, ma la XBB sta rapidamente sostituendo sottovarianti comuni, come BQ.1 e BQ.1.1”, dice ancora l’esperto.